Ieri spulciando i ricordi di Facebook mi è capitata tra le mani una mia riflessione di 7 anni fa sulla fine dell’anno. Subito sono rimasta stupita dall’intensità dei miei pensieri ed ho pensato: Ma questa Dalila qui dov’è andata a finire?

Perché si il 2023 per me è stato un anno straordinario, pieno di viaggi incredibili, luoghi da lasciare a bocca aperta tra Marocco, Nepal e la mia Italia che ha ancora tanto da mostrarmi ma io mi ostino a schivare per migrare verso terre più esotiche.

Dicembre è stato però un mese di stallo. Quest’anno mi è volato in un lampo ma questo mese mi è sembrato eterno. La mia mente ha iniziato a frullare impazzita tra mille pensieri, preoccupazioni e progetti per il futuro. Si è portato con sé tanta insicurezza e agitazione che non mi hanno fatta stare tranquilla ed io mi ero ripromessa che non mi sarei più sentita così inquieta.

RESPIRA, DALILA. FERMATI. Non hai tutti i problemi del mondo. L’universo se tu ti ascolti lo fa a sua volta. le risposte arriveranno.

UN AUGURIO DALLA DALILA DEL PASSATO

Ma quindi cosa scriveva questa me più ragazzina 7 anni fa?

Condividerò qui la mia lettera ( con qualche modifica riadattata per il mio 2023) perchè penso che nonostante il tanto tempo passato,lei non sia passata di moda.

“…Ed un altro anno è passato.

Tutte le persone si ritrovano gli ultimi giorni inesorabilmente a porsi nuovi propositi per l’anno nuovo. Bhe, volevo dirvi una cosa gente, non sarà un giorno sul calendario a fare la differenza. Gli anni passano tutti uguali se non troviamo il coraggio di cambiarci dentro, se non troviamo la forza di ampliare continuamente i nostri orizzonti.

Quei maledetti sogni che non vi fanno dormire la notte e che tenete dentro il cassetto, tirateli fuori! Viveteli! Non fateli ammuffire! I cassetti sono fatti solo per tenerci le mutande e i calzini.

Qualche consiglio non richiesto…

Il 2023 è stato un anno incredibile! Ci sono state tantissime vittorie ma anche delusioni, però anche queste servono come slancio.

Le persone che non vi arricchiscono, lasciatele indietro, sono anche loro servite a qualcosa, a capire come non vorreste essere.

I periodi morti della vostra Vita usateli come stimolo al cambiamento. Quei viaggi che avete in mente di fare, fateli! Imparate, scoprite, gioite! Tenetevi strette le persone che vi fanno sorridere, che vi regalano il vostro tempo, non tutti sono disposti a farlo.

Nell’inverno della vita cercate dentro di voi un’infinita estate.

E finalmente capirete Che nell’altalenare della vita anche l’anno meno stimolante può essere una lezione, uno slancio verso l’infinito.

CARPE DIEM! Il tempo che perdiamo non ce lo restituisce nessuno, e nessuno vuole una vita fatta Più di rimpianti che di obiettivi raggiunti, sogni realizzati.

Bhe che dire gente, questo mio pensiero sarà stato letto da Pochi, ma chi è arrivato fino in fondo sa che io credo sempre nei NUOVI INIZI, CHE TUTTO IN UN ATTIMO PUò CAMBIARE, CHE UN ISTANTE DIVENTA UNA POSSIBILITà.

E quindi si, non vi auguro buon anno, ma

MA UNA VITA FATTA SEMPRE DI CONTINUI STIMOLI E NUOVI INIZI.

Buon Nuovo meraviglioso giro intorno al sole,

Vi voglio bene

La vostra Billy

E Già CHE HAI INIZIATO A SOGNARE IN GRANDE TI POTREBBE INTERESSARE QUALCHE ARTICOLO DI VIAGGIO…

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *