“… Quando la gente ti dirà che hai sbagliato… E avrai errori dappertutto dietro la schiena, fregatene. Ricordatene. Devi fregartene. Tutte le bocce di cristallo che hai rotto erano solo vita… Non sono quelli gli errori.. Quella è vita…e la vita vera magari é proprio quella che si spacca, quella vita su 100 che alla fine si spacca… Io questo l’ho capito, il mondo è pieno di gente che gira con in tasca le sue piccole biglie di vetro… Le sue piccole tristi biglie infrangibili…
E allora tu non smetterla mai di soffiare nelle tue sfere di cristallo…sono belle, a me è piaciuto guardarle, per tutto il tempo Che ti sono stato vicino… Ci si vede dentro tanta di quella roba… É una cosa che ti mette l’allegria addosso… Non smetterla mai… E se un giorno scoppieranno anche quella sarà 
vita, a modo suo… Meravigliosa vita…”

-A. Baricco-

Viaggiate
che sennò poi
diventate razzisti
e finite per credere
che la vostra pelle è l’unica
ad avere ragione,
che la vostra lingua
è la più romantica
e che siete stati i primi
ad essere i primi

viaggiate
che se non viaggiate poi
non vi si fortificano i pensieri
non vi riempite di idee
vi nascono sogni con le gambe fragili
e poi finite per credere alle televisioni
e a quelli che inventano nemici
che calzano a pennello con i vostri incubi
per farvi vivere di terrore
senza più saluti
né grazie
né prego
né si figuri

viaggiate
che viaggiare insegna
a dare il buongiorno a tutti
a prescindere
da quale sole proveniamo,
viaggiate
che viaggiare insegna
a dare la buonanotte a tutti
a prescindere
dalle tenebre che ci portiamo dentro

viaggiate
che viaggiare insegna a resistere
a non dipendere
ad accettare gli altri non solo per quello che sono
ma anche per quello che non potranno mai essere,
a conoscere di cosa siamo capaci
a sentirsi parte di una famiglia
oltre frontiere, oltre confini,
oltre tradizioni e cultura,
viaggiare insegna a essere oltre

viaggiate
che sennò poi finite per credere
che siete fatti solo per un panorama
e invece dentro voi
esistono paesaggi meravigliosi
ancora da visitare.

[Gio Evan]

Sono nata con una rivoluzione. Diciamolo. È in quel fuoco che sono nata, pronta all’impeto della rivolta fino al momento di vedere il giorno. Il giorno era cocente. Mi ha infiammato per il resto della mia vita.
Da bambina, crepitavo. Da adulta, ero una fiamma.

[Frida Kahlo]

Ed è qualcosa da cui non puoi scappare. Il mare… Ma soprattutto: il mare chiama… Non smette mai, ti entra dentro, ce l’hai addosso, è te che vuole… Puoi anche far finta di niente, ma non serve. Continuerà a chiamarti… Senza spiegare nulla, senza dirti dove, ci sarà sempre un mare, che ti chiamerà.”

[Alessandro Baricco – Oceano Mare]

Perchè le ripartenze sono così faticose Lloyd?”

“Forse perché non esistono,sir”

“Cioè?”

“Credo,sir,che fortunatamente la vita sia composta solo di partenze e arrivi.”

“Non riesco a capire dove sia la fortuna…”

“Nel poter cambiare il tragitto a ogni fermata,sir”

” Molto chiaro,Lloyd”

“Buon viaggio,sir.”

[Simone Tempia- VitaconLloyd]

“Non sviluppare
nessun progetto che hai in testa
e non fallirai mai

non avere sogni
nessuna ambizione
nessun desiderio
e non perderai mai niente

non pianificare
non programmare futuri
non progettare lavori
e non commetterai mai
uno sbaglio

non dire mai come la pensi
anche quando viene chiesta
la tua opinione
anche quando pregheranno
per il tuo punto di vista
e non sarai mai in equivoco
e non ti troverai mai
in contrasto con qualcuno

non parlare delle tue idee
anche quando ti sembrano brillanti
non condividere le tue prospettive
anche quando gli altri
vivono in un punto cieco
e non sarai mai frainteso

non buttarti mai
non gettarti in sfide difficili
non azzardare avventure pericolose
e avrai sempre
il controllo su te stesso

fai tutto questo
e potrai dire di non aver mai fallito
nella tua vita
ma fai esattamente il contrario
e a prescindere dal risultato
potrai dire
di aver vissuto una vita.

[Gio Evan]

Sono questi i vuoti d’aria
Questi vuoti di felicità
Queste assurde convinzioni
Tutte queste distrazioni
A farci perdere..
 
Sono come buchi neri
Questi buchi nei pensieri
Si fa finta di niente
Lo facciamo da sempre..
Ci si dimentica
Che ognuno ha la sua parte in questa grande scena
Ognuno ha i suoi diritti
Ognuno ha la sua schiena
Per sopportare il peso di ogni scelta
Il peso di ogni passo
Il peso del coraggio..
 
E ho capito che non sempre il tempo cura le ferite
Che sono sempre meno le persone amiche
Che non esiste resa senza pentimento
Che quello che mi aspetto è solo quello che pretendo…
E ho imparato ad accettare che gli affetti tradiscono
Che gli amori anche i più grandi poi finiscono
Che non c’è niente di sbagliato in un perdono
Che se non sbaglio non capisco io chi sono
Sono queste devozioni
Queste manie di superiorità..
C’è chi fa ancora la guerra
Chi non conosce vergogna
Chi si dimentica
Che ognuno ha la sua parte in questa grande scena
Che ognuno ha i suoi diritti e ognuno ha la sua schiena
Per sopportare il peso di ogni scelta
Il peso di ogni passo
Il peso del coraggio..
 
E ho capito che non serve il tempo alle ferite
Che sono sempre meno le persone unite
Che non esiste azione senza conseguenza…
Chi ha torto e chi ha ragione quando un bambino muore
E allora stiamo ancora zitti perché così ci preferiscono
Tutti zitti come cani che obbediscono
Ci vorrebbe più rispetto
Ci vorrebbe più attenzione
Se si parla della vita
Se parliamo di persone…
 
Siamo il silenzio che resta dopo le parole
Siamo la voce che può arrivare dove vuole
Siamo il confine della nostra libertà
Siamo noi l’umanità
Siamo il diritto di cambiare tutto e di ricominciare
Ricominciare
Ognuno gioca la sua parte in questa grande scena
Ognuno ha i suoi diritti
Ognuno ha la sua schiena
Per sopportare il peso di ogni scelta
Il peso di ogni passo
Il peso del coraggio
Il peso del coraggio…
 
 
[Fiorella Mannoia- Il peso del Coraggio]